Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Atlantis Nerviano, buona la seconda: vittoria a Cerro Maggiore

Un partita vinta sul campo, che Nerviano ha rischiato però di perdere con uno dei soliti cali di concentrazione prima di riuscire a "riprenderla per i capelli" nel finale: potrebbe essere riassunto così il "derby" giocato e vinto in trasferta a Cerro Maggiore con il punteggio finale di 77 a 67. 

Il primo quarto parte nel segno dell'equilibrio, con entrambe le squadre un po' imprecise al tiro: Cerro, quasi sempre avanti nel punteggio, chiude i primi 10' avanti di un solo punto 18 a 17.

Nel secondo periodo, grazie ad una difesa intensa e all'apporto di capitan Bandera (nel secondo quarto 12 dei suoi 22 punti finali) Nerviano allunga andando a riposo col risultato di 27-36.

Al rientro in campo, i padroni di casa cercano di ricucire lo strappo, ma i vari tentativi di rimonta vengono puntualmente respinti da Nerviano. Alla fine del periodo, però, Cerro Maggiore mette a segno un mini parziale di 7 a 0 che consente di ridurre il gap prima degli ultimi dieci minuti. 

Nell'ultimo quarto sembrano comparire i soliti fantasmi che contraddistinguono le prove della Atlantis Nerviano: in poco più di due minuti di pura follia Pastori e Rossetti confezionano un parziale di 11 a 0 che fa volare la formazione di coach Legramandi a +8, sul 64-56 a poco meno di cinque minuti dalla fine. Un classico di Nerviano, che già altre volte ha costruito e costruito per poi distruggere tutto quanto fatto in pochi momenti di follia. 

E invece, questa volta, arrivano la reazione e il contro break: inizia Gatto con due punti in appoggio, poi "bomba" di Nuclich (14 punti e 9 rimbalzi), seguito da Corno con due triple consecutive, quindi ancora Gatto con un 2 su 2 dalla lunetta. Tutto questo vale il 64 a 69 a due minuti dalla sirena.

Cerro prova a riavvicinarsi ma il parziale conclusivo di 8 a 0 costruito interamente ai liberi (Priuli 2/2, Nuclich 4/4, Bandera 2/2) chiude la gara.