Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Scopre un ago nella gamba dopo 54 anni: rimosso all'Ospedale di Garbagnate

Viveva da 54 anni con un ago da cucire infilato dietro al ginocchio. Mai un dolore o dei problemi per camminare. Per questo Zoila Percides Roditrguez Poroso, ecuadoregna di 58 anni, non si era mai accorta del piccolo e pungente oggetto che le faceva "compagnia" da quando era piccola. Qualche giorno fa dei dolori lancinanti con dei crampi nella zona poplitea, hanno portato alla singolare scoperta dell’ago che dopo ben 54 anni è stato estratto, con successo, dai chirurghi vascolari dell’ospedale di Garbagnate. 

«Non ricordavo di quanto mi era accaduto. So solo che da bambina mi piaceva cucire a mano. Mia mamma faceva la sarta ed eravamo in quattordici tra fratelli e sorelle – racconta la donna che abita a Limbiate da 12 anni e fa la bandante –. A ricordarsi di quell’ago che era scomparso infilandosi da qualche parte è stata mia sorella più grande. Io non ho mai avuto dolori. La scorsa settimana mentre ero in casa ho avvertito come una scossa con dei crampi alla gamba destra. Facevo fatica a muovermi ed ho chiamato un’ambulanza. Mi hanno portato alla clinica San Carlo di Paderno dove con una radiografia hanno scoperto la presenza dello strano oggetto. Per questo mi hanno consigliato di rivolgermi ad una struttura specializzata in microchirurgia. Sono stata a Niguarda, a San Donato e al Galeazzi ma nessuno ha voluto intervenire subito. Alla fine, dolorante, sono andata in pronto soccorso a Garbagnate dove l’ecografia ha messo in evidenza la presenza dell’ago».

A questo punto i chirurghi vascolare del reparto diretto da Pietro Mingazzini hanno deciso l’intervento. Un’operazione che poteva essere semplice ma nello stesso tempo con delle complicazioni visto che la punta dell’ago era molto vicina ad un nervo e minacciava anche di perforare l’arteria e la vena poplitea. Per questo l’intervento eseguito da Matteo Ravini e Giovanni Paoletti è stato programmato con cura preventivando anche le probabili complicazioni.

Tutto però è andato bene. L’ago è stato estratto e Zoila Percides Roditrguez Poroso ieri ha potuto ritornare a casa. «Ringrazio tutti quanti mi sono stati vicini - ha commentato la donna -. É stato un bel regalo per il mio ompleanno (9 agosto). Felici anche i miei cinque figli che abitano in Ecuador che vorrei andare a trovare appena posso».