Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Gemellaggio Nerviano - Pontremoli: a che punto siamo?"

«Il gemellaggio di Nerviano con Pontremoli, che sembrava avviato sotto il miglior auspicio, manca di concretezza e delude attese e presupposti». E' questa l'opinione della consigliera di opposizione Daniela Colombo (Tutti per Nerviano).

Era l'inizio del 2017 quando Nerviano e Pontremoli, cittadina in provincia di Massa Carrara origine di una nutrita comunità che oggi vive nella cittadina sulle sponde dell'Olona, firmavano una lettera congiunta di intenti per il gemellaggio dei due Comuni. Da allora nessuna novità e le intenzioni - come denuncia Colombo - non sono state ancora tradotte in fatti.

«Il gemellaggio, celebrato con enfasi dalla nostra amministrazione comunale, è un legame simbolico che parte dal basso, il cui presupposto è lo scambio di iniziative culturali, economiche, sociali o sportive che possano avere ricadute sul territorio - ricorda la consigliera Colombo -. La storia e le origini nelle quali le due comunità si riconoscono, costituiscono un legame che deve essere preservato, se non rafforzato, attraverso relazioni privilegiate e, possibilmente, azioni condivise». «La prossima settimana - scherza Daniela Colombo che, oltre ad essere consigliere della lista Tutti per Nerviano è anche membro della comunità Nerviano/Pontremolese -, parte a Pontremoli la prima edizione del “testarolo day”, elogio al più tipico prodotto alimentare pontremolese celebrato con tanto di conferenza stampa del sindaco. Quale miglior occasione per uno “scambio” all’insegna della nostrana casseoula per rivitalizzare il gemellaggio; perché si sa, la buona cucina mette tutti d’accordo e come diceva Fellini “la vita è una combinazione di magia e pasta».

Le intenzioni del Comune, come fa sapere il sindaco Massimo Cozzi, erano - e sono - quelle di ufficializzare il gemellaggio durante un incontro di amicizia tra le due amministrazioni. L'occasione sarebbe dovuta essere rappresentata da un evento in programma per fine settembre - inizio ottobre al monastero degli Olivetani, che però è sfumato. L'idea sarebbe quella di riproporre l'evento in primavera. «Come Comune - spiega il primo cittadino - non ci sembra giusto calare dall'alto nulla, ma ci basiamo e ci muoviamo in accordo con le iniziative del comitato di pontremolesi qui a Nerviano».

Altro discorso, invece, per l'ipotesi di gemellaggio con Montefalco e Wen Cheng, su cui le tre liste di minoranza Tutti per Nerviano, Scossa Civica e Gente per Nerviano avevano presentato una interpellanza per chiedere quali fossero le intenzioni dell’attuale amministrazione comunale e sui quali l'amministrazione aveva espresso un suo non interesse a procedere. Il sindaco Cozzi ribadisce la posizione di allora: «Non capiamo le motivazioni per cui tali gemellaggi avrebbero dovuto essere e per cui non ci siamo mai attivati in tal senso».

(Chiara Lazzati)