Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ma cosa c'era prima di Jurassic Park? "I cercatori di ossa"

I cercatori di ossa
di M. Crichton
ed. Garzanti
€ 18,60


Nonostante sia mancato da dieci anni, Michael Crichton continua a farci compagnia in libreria grazie ad una grande quantità di inediti che vengono finalmente tradotti.

E infatti anche "I cercatori di ossa" è un inedito, probabilmente il più importante rinvenuto fino a questo punto, perché affronta una tematica legata a uno dei più grandi successi dello scrittore di Chicago: Jurassic Park. 

Questo romanzo è stato scritto nel 1974. Già sedici anni prima di pubblicare Jurassic Park, quindi, Crichton stava pensando ai dinosauri, anche se toni e angoli della narrazione sono diversi ma presentano comunque i tratti caratteristici della sua narrazione, ovvero grande azione, colpi di scena e sapiente miscuglio di scienza e fantascienza.

1876, stato del Wyoming. Siamo a Cheyenne, l'ultimo baluardo della Frontiera: da qui, i cercatori d'oro e i cacciatori di taglie partono per attraversare le famigerate terre dell'Ovest, infestate da bande criminali e dai temibili Sioux. Durante la notte da un treno vengono scaricate misteriose apparecchiature, sotto lo sguardo attento e determinato del professor Othniel C. Marsh, paleontologo e direttore di un'importante spedizione scientifica che promette di portare alla luce il primo fossile di dinosauro. Tra gli studenti, in qualità di fotografo, c'è William Johnson, ventenne rampollo di buona famiglia che intende così onorare una scommessa in tutta comodità. Ma si sbaglia. Quello che Marsh sta cercando è talmente eccezionale che da Philadelphia un'altra missione scientifica si è già messa sulle loro tracce. Incalzato dalla rivalità con l'avversario, il professor Edward D. Cope, Marsh rivela presto la sua vera natura, dimostrandosi disposto a intimidire e corrompere pur di dare il proprio nome alla più grande scoperta del secolo. 

E quando entrambe le spedizioni restano isolate, senz'acqua e senz'armi, con entrambi i professori svaniti nel nulla, William si trova a essere l'involontario protagonista di questo scontro tra spregiudicati esploratori che cambierà la sua vita per sempre.

Un romanzo adrenalinico, che sembra scritto ieri e non più di quarant'anni fa: una lettura imperdibile per tutti gli amanti del romanzo d'avventura, ma anche per tutti coloro che vogliono passare qualche ora immersi in un mondo fantastico ed emozionante.

Amanda Colombo - Galleria del Libro