Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Violenza sulle donne: "Troppo buonismo per i colpevoli, se extracomunitari"

Buongiorno.
Non approvo quanto detto al Sindaco Romano ma comprendo lo sfogo della gente che non ce la fa più a leggere queste notizie. Da fastidio, o meglio fa inc... l’immobilismo della politica , soprattutto di quella politica che non riesce a capire, e sicuramente tende a nascondere, che queste cose accadono con più frequenza per scelte scellerate fatte da alcuni governi. Ne avevamo già di potenziali imbecilli portati a commettere questi e altri reati, era il caso di importarne degli altri ? 

Sicuramente LIBERI di fare quello che vogliono e sicuramente non UGUALI nel giudizio.

Se fosse stato un italiano a commettere questo reato ne avremmo sentite di tutti i colori, peggio dell’augurio fatto al sindaco, mentre essendo extracomunitario bisogna andarci con i piedi di piombo. 

Parlando del colpevole non sono state usate nei suoi confronti parole pesanti mentre, parlando di chi ha osato fare dei commenti, quindi italiani e per di più con l’aggravante di essere di sesso maschile, sui social ci si è sentiti liberi ed in dovere di usare parole come sciacalli ed avvoltoi. Possibile che una parolina un po’ folkloristica anche per lo stupratore non si riesca proprio a trovarla?

Vero però che potrebbe avvalersi dell’attenuante che anche lui non sapeva che in Italia non si possono stuprare le donne...

Speriamo che adesso l’abbia capito e che non lo rifaccia più quando sarà uscito in permesso premio o magari in anticipo per buona condotta.

Lettera firmata