Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

A Lainate arriva il meglio dell'arte cioccolatiera: due giorni di "Arte.Cioccolato"

I migliori maestri cioccolatieri della Regione si ritrovano a villa Litta. A Lainate arriva la prima edizione di "Arte.Cioccolato": due giorni dedicati al gusto sabato 11 e domenica 12 novembre. Tra le sale della dimora Borromeo Litta dimostrazioni e degustazioni del cibo degli dei, accompagnati da  ottimi vini. Un appuntamento che mira a diventare una tradizione.

Le porte del fine settimana dedicato al cioccolato si apriranno sabato alle 14:30 e rimarrano spalancate fino alle 19. Domenica, invece, gli orari saranno differenti: già dalla mattina, alle 10, sarà possibile visitare la mostra, aperta fino alle 19. Alle 16 di domenica sarà proposta una degustazione di cioccolato e vini proposta da Marco Cribiù (su prenotazione info: www.agriquality.it o 02.93 255067) e un inedito show cooking sponsorizzato dal gruppo Poli con la partecipazione dello Chef stellato Vincenzo Marconi, che cucinerà, presenterà e farà degustare le proprie creazioni culinarie con
l’abbinamento di cioccolato. Inoltre, saranno presentate opere d’arte inedite ed uniche nel loro genere.

La manifestazione è organizzata dal gruppo Arte.Cioccolato in collaborazione con ConfCommercio e il Comune di Lainate. «Forse non tutti sanno che a Casa Litta la passione per il cioccolato era smisurata - commenta l’assessore alla cultura Ivo Merli - Durante una delle serate di approfondimento condotte dallo storico Giorgio Picozzi nei mesi scorsi abbiamo scoperto il conte Agostino, fratello di Pompeo Litta, inviava a Bologna (dove si trovava il suo ‘protetto’ Cristiano Bach) il cioccolato che veniva fabbricato in Casa Litta. Probabilmente qualcuno nelle cucine di Casa Litta lo sapeva produrre anche se successivamente per comodità cominciò ad essere acquistato. I documenti ci dicono che nel 1803 ne furono acquistati 112 chili, nel 1810 invece 208. Sempre di alta qualità. Era utilizzato anche sciolto come bevanda da proporre ai numerosi ospiti. In nome di questo ‘illustre’ passato ci fa piacere ospitare, grazie alla collaborazione di privati e del Distretto del Commercio, per la prima volta un evento dedicato a un’arte, quella cioccolatiera, che ha cultori senza tempo ed età. Buon tour a tutti».

(Chiara Lazzati)