Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per la Festa Granda di Garbatola 2017 anche una nuotata nel Villoresi

Un «fiore all'occhiello», «un appuntamento immancabile dell'estate» o «un momento per ritrovarsi con i propri amici». La Festa Granda di Garbatola è questo e tanto altro. L'edizione 2017 della festa è stata presentata oggi, sabato 5, in biblioteca a Nerviano e non sono mancate le sorprese. Una su tutte la nuotata nel Villoresi "traversata dei caimani": 50 persone percorreranno 1500 metri del canale con le loro bracciate, da Nerviano al ponte di Garbatola - Villanova. Ma non solo. Tra le novità di questa edizione ci sono anche la randonée "Freccia Valle Olona", la randoriver cicloturistica, dimostrazioni di ping pong e tiro con l'arco, la serata culturale dedicata alla grande guerra, quella dedicata alla speleologia, la cena "de la lumaga", la presentazione della squadra di basket della USD Nervianese, il raduno di auto d'epoca, i festeggiamenti per i 60 anni della Fiat 500, lo spettacolo e laboratorio circense, esibizioni dei cavalieri dell'ordine del centauro e caccia allo scontrino.

Insieme alle novità anche conferme come i quattro giorni di musica con "Fuori di festa" che porterà sul palco il blues dei Cek, il folk dei B:Folk e dei Ciulandari, lo ska di Matrioska e Rollowash e la musica migrante di Stranibanda e Jam.  La dieci giorni di divertimento partirà sabato 26 agosto e chiuderà lunedì 4 settembre. Per il programma integrale giorno per giorno, clicca qui.

Dietro alla festa c'è il lavoro di mesi di circa 150 volontari. Loro, insieme alle associazioni che collaborano e all'amministrazione comunale, sono stati ringraziati da Fabio Pravettoni, uno degli organizzatori.

«Come amministrazione vogliamo dare il massimo appoggio a questa festa, che ormai è diventata la più importante di Nerviano - ha affermato il sindaco Massimo Cozzi -. E' un fiore all'occhiello e non sono solo io a dirlo, ma lo dimostrano i fatti». «La bellezza della festa granda - ha aggiunto l'assessore alle frazioni Alfredo Re Sartò -, è la sua capacità di attirare a sè tutti i cittadini di Garbatola, anche quelli che magari ormai vivono altrove. E' un'occasione per ritrovare vecchi amici che dimostra quanto i cittadini di Garbatola siano legati alle proprie radici».

(Chiara Lazzati)