Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Processo Six Town, 21 condanne: assolti Vincenzo Oliverio e Mario Rizza

Ventuno condanne e dieci assoluzioni: sono quelle pronunciate dal giudice a conclusione del processo, con rito abbreviato, scaturito dall’operazione "Six Towns", condotta dai carabinieri e coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, che nell’ottobre 2016 ha sgominato la cosca egemone in sei comuni del crotonese e cioè Belvedere Spinello, Castelsilano, Cerenzia, San Giovanni in Fiore, Rocca di Neto, Caccuri.

Allora finirono agli arresti 36 persone con accuse diverse: associazione mafiosa, omicidi, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsioni, favoreggiamento di latitanti, ricettazione, detenzione di armi. Il processo ha poi interessato 48 persone e per alcune di queste ieri è arrivato il giudizio con rito abbreviato.

La condanna più pesante riguarda Agostino Marrazzo, 55enne di Belvedere Spinello, ritenuto al vertice delle cosca nonché il mandante dell’omicidio di Franco Iona, avvenuto a Belvedere Spinello l’8 ottobre 1999, e condannato all'ergastolo. Condanna a 18 anni e 6 mesi di reclusione per il collaboratore di giustizia Francesco Oliverio (ex boss di Belvedere Spinello), che si è accusato di tre omicidi. L’altro collaboratore di giustizia Vittorio Spadaforala è stato invece copndannato a 3 anni e 8 mesi. Condannato a 10 anni di reclusione poi per Giovanni Marrazzo, cugino e luogotenente del boss Agostino Marrazzo.

Mario Rizza e Vincenzo Oliverio i due rhodensi coinvolti nell’operazione Six Town  sono stati invece assolti perché il fatto non sussiste. Rizza era accusato di associazione a delinquere e narcotraffico e per lui erano statio richiesti 7 anni e 8 mesi di reclusione. Vincenzo Oliverio era accusato di partecipazione ad associazione di stampo mafioso: assolto anche lui dopo che erano stati chiesti otto anni e otto mesi di reclusione.

Ecco l'elenco di condannati e assolti: Domenico Bitonti, 1 anno e 4 mesi; Luigi Bitonti, 2 anni e 4 mesi; Saverio Bitonti, 11 anni e 6 mesi; Antonio Blaconà, 8 anni, 10 mesi; Ignazio Bozzaotra, 1 anno e 4 mesi; Luigi Buono, assolto; Valentino De Francesco, 2 anni; Salvatore De Marco, 8 anni; Giovanni di Certo, assolto; Claudio Fortugno, assolto; Saverio Gallo, 9 anni; Antonio Guzzo, 6 anni e 8 mesi; Davide Iannice, assolto; Fabio Lopez, 6 anno e 8 mesi; Giovanni Madia, 9 anni e 2 mesi; Agostino Marrazzo, ergastolo; Giovanni Marrazzo, 10 anni; Sabatino Domenico Marrazzo, 8 anni; Giovannino Mosca, assolto; Francesco Oliverio, 18 anni e 6 mesi; Vincenzo Oliverio, assolto; Antonio Parise, assolto; Rosario Parise, assolto; Mario Rizza, assolto; Francesco Rocca, 10 anni; Antonio Serra, assolto: Giovanni Spadafora, 10 anni e 4 mesi Vittorio Spadafora, 3 anni e 8 mesi; Ilario Spina Iaconis, 6 anni e 8 mesi; Paolo Spina Iaconis, 6 anni e 8 mesi; Pasquale Torromino, 7 anni.