Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rho, la polizia arresta due spacciatori di hascisc

Altri arresti per detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti e, come successo qualche giorno fa, anche questa volta i diretti interessati esercitavano la loro "attività" in bicicletta. 

Le indagini e le attività operative sul territorio avevano da alcuni giorni portato i poliziotti del Commissariato di Rho Pero a focalizzare la loro attenzione su due giovani rhodensi B.M. di 22 anni e B.O. di 37 anni, sospettati di gestire una piccola parte di spaccio di stupefacenti a Rho.

Sabato notte, al termine di una serie di servizi di appostamento e pedinamento, è scattato il blitz dei poliziotti. Gli agenti hanno individuato i due giovani in via De Gasperi, intorno alle 4 del mattino, in sella alle loro biciclette: i due, come tanti altri spacciatori, per eludere controlli o tentare di passare inosservati alle forze dell’ordine, dopo aver prelevato lo stupefacente dai nascondigli, iniziano a spacciare nelle zone di riferimento usando le biciclette

I due sono stati dunque seguiti dagli agenti che li hanno pedinati sin quando non li hanno visti fermarsi e restare in attesa sul ciglio della strada. A qual punto è scattato il blitz: i due sono stati bloccati dagli agenti gli gli hanno trovato addosso oltre 30 dosi di hascisch regolarmente confezionato e pronto per la vendita al dettaglio.

La perquisizione nell’abitazione di uno dei due ha portato a rinvenire altri 150 grammi di hascisc imbustato ed ancora da confezionare in dosi, oltre a un bilancino di precisione e attrezzatura per il confezionamento. I due sono stati accompagnati negli uffici del Commissariato di Rho Pero ed al termine del foto segnalamento e di tutte le procedure di rito sono stati arrestati per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e condotti al carcere milanese di San Vittore.