Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Droga nei barattoli di vetro, arrestato il pusher di Pogliano Milanese

La droga era tenuta “sigillata” nei barattoli di vetro per conservarne la qualità. Una modalità oltremodo bizzarra oltre che criminale quella adottata da un 27enne di Pogliano Milanese intercettato dai Militari dell’Arma di Nerviano mentre si aggirava nel comune di residenza.

Il controllo è stato determinato dall’atteggiamento incerto del conducente alla vista dei militari e dal fatto che lo stesso era stato avvicinato da alcuni giovani che, sempre alla vista dei Carabinieri, si erano repentinamente allontanati. Bloccata l’auto, una Fiat Punto di colore giallo, da subito l’uomo si è agitato.

Fermato e controllato dai Carabinieri sotto il sedile e nel cofano sono stati trovati tre vasi in vetro, del tipo per conserve, contenenti ognuno delle dosi di marijuana. Portato immediatamente in Caserma, è poi scattata la perquisizione.

A casa, dove abitava con i genitori - sul conto dei quali al momento non si muovono accuse - sono stati trovati altri otto vasi in vetro, tutti chiusi ermeticamente con il proprio tappo, contenenti complessivamente più di trecento grammi di sostanza stupefacente. I vasi erano catalogati per data di confezionamento e in auto c’erano quelli "in scadenza".

Il giovane, arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti, ha infatti riferito che usava quel metodo per garantire la massima qualità possibile allo stupefacente.  L’arrestato è stato poi condotto al Tribunale di Milano per essere giudicato.