Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rho, falso operaio dell'azienda idrica tenta di truffare due anziani

Tentativo di truffa ieri mattina in danno di una coppia di anziani a Rho abitanti nella centrale Via San Carlo, ma i i giusti dubbi dei due hanno infine vanificato il "colpo" obbligando i due malviventi alla fuga. 

Verso le 12 un uomo spacciandosi per un incaricato dell’Azienda idrica comunale ,vestito da operaio con giacca blu, si è presentato presso l’abitazione di due anziani coniugi 80enni. Ad aprire prima il cancelletto e poi  la porta di casa per farlo accedere all’interno è stata l’anziana donna, convinta dai modi dell'uomo.Con il primo personaggio, un secondo uomo  vestito di tutto punto con un'uniforme scura con pantaloni a bande rosse, presentatosi come un Carabiniere "presente per garantire la veridicità dell'azione svolta dell’operaio del Comune" e rimasto fuori dal cancello.

Il falso operaio del Comune aveva in mano un apparecchio apparentemente elettronico che a suo dire, emettendo una luce rossa, stava segnalando che l’acqua corrente in casa presentava un alto tasso di mercurio, superiore a quello tollerato dall’organismo umano. Tutto questo, secondo il falso operaio, avrebbe potuto anche causare un fenomeno di autocombustione, soprattutto in presenza di oro e banconote custodite all’interno dell’ abitazione.

A questo punto l’uomo ha invitato l’anziana a prelevare tutti i suoi oggetti d'oro e il denaro in contanti presenti in casa per riporli nel cassetto freezer del frigorifero, indicandolo quale unico luogo sicuro per evitare che questi potessero incendiarsi. Troppo anche per la donna inizialmente convinta della buona fede dell'uomo che, insospettita, ha invitato l'uomo ad attendere all’esterno dell’abitazione in modo da poter riferire il tutto al marito che si trovava al piano inferiore. Il falso operaio temendo di essere scoperto si è a questo punto dileguato a bordo di un’autovettura di colore grigio guidata dal complice finto Carabiniere che nel frattempo era rimasto fuori. Sul posto è intervenuta su richiesta dei due anziani una volante del Commissariato di P.S. Rho Pero che ha raccolto la versione e le descrizioni dei due truffatori. Sono in corso indagini per identificarli.

Proprio alcun giorni fa il Commissariato di P.S. Rho Pero ha tenuto un incontro al centro anziani di Terrazzano dove il Commissario Carmine Gallo ha illustrato ai circa 150 anziani presenti il rischio delle truffe e tutte le strategie per arginarle. In quella occasione si era proprio parlato di falsi addetti del Comune per controlli idrici. Si era raccomandato di non aprire la porta a chi si presenta come appartenenti ad Enti pubblici o privati per presunti controlli a gas acqua Enel o altro e nel caso di contattare subito il 112 richiedendo l’intervento delle Forze dell’Ordine. Già dalla centrale Operativa le forze dell’Ordine possono verificare la qualifica e la veridicità delle persone che sono alla porta ed una pattuglia subito sul posto con una voltante della Polizia di Stato o dei Carabinieri può scongiurare ogni tentativo di truffa.

"Ribadiamo ancora a tutti gli anziani ma soprattutto alle persone a loro vicine (familiari vicini di casa amici) di prestare accortezza e di attenersi alla raccomandazioni - spiegano dal commissariato di Rho Pero -. Non fare accedere in casa estranei a qualsiasi titolo essi si presentino e chiamare subito il 112 per chiedere di verificare e di far intervenire sul posto una pattuglia della Polizia di Stato o dei Carabinieri".