Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rho, due minorenni tentano un'aggressione travisati e armati di tirapugni: la polizia li blocca

Stavano inseguendo le loro "vittime", in via Aldo Moro, con l'evidente scopo di rapinarli: solo il passaggio casuale di una volante e poi l'inseguimento che ha portato all'identificazione dei due giovani ha dato un esito finale alla storia.

Tutto è avvenuto verso l'una del mattino in via Aldo Moro: due giovani - T.S. di anni 17 e H.H. di anni 18 - mentre mentre camminando hanno infatti incrociato altri due coetanei che, dopo essersi travisati il volto, stavano procedendo nella loro direzione indossando alle mani dei tirapugni col chiaro intento di aggredirli, presumibilmente a scopo di rapina.

I due alla vista degli aggressori si son dunque dati alla fuga prendendo due direzioni diverse e inseguiti dai potenziali assalitori. Nella zona si è però trovata a transitare una volante e uno dei due giovani inseguiti, dopo aver attirato l'attenzione degli agenti, riusciva a raccontare quanto accaduto. Sul posto è dunque arrivata una seconda pattuglia con altri agenti del commissariato di Rho Pero che, individuato anche l’altro giovane inseguito, dopo un giro di perlustrazione e sulla base delle riuscivano a intercettare in via Labriola due minori K.G. di anni 17 abitante a Bareggio e I.S.D.M. di anni 16 abitante a Sedriano. I due minori si erano nascosti dietro una siepe ed erano ancora affannati e sudati all'arrivo degli agenti: addosso avevano ancora due bandane e due tirapugni.

Accompagnati negli uffici del commissariato i due venivano riconosciuti: al termine del fotosegnalamento  e dei rilievi dattiloscopici (i due erano entrambi privi di documenti) gli agenti hanno informato il Pm di turno del Tribunale per i minorenni della Procura. Entrambi sono stati indagati e affidati ai rispettivi genitori.                   

(Paolo Girotti)