Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.



Morto a Nerviano, due indagati per omicidio

  • NERVIANO
  • mercoledì 11 gennaio 2017
  • 898 Letture

Trovato un proiettile di piccolo calibro nel corpo di Maurizio Capizzi, il 48enne rinvenuto morto davanti al cimitero di Nerviano, nel Milanese, lo scorso 31 dicembre clicca qui per il precedente servizio. 

Le ipotesi degli inquirenti dal suicidio si spostano sull'omicidio: infatti, risultano due le persone iscritte nel registro degli indagati, della procura di Milano, con l'accusa di omicidio. 

Sono i nuovi risvolti dell'inchiesta sul decesso del legnanese, novità confermate dal Comando Provinciale Carabinieri di Milano. Le indagini sono in capo ai militari della Compagnia di Legnano e l'autopsia sulla vittima è iniziata questa mattina, mercoledì 11 gennaio. Dalle analisi è stato rinvenuto un proiettile di piccolo calibro nel polmone sinistro del defunto. Si tratta del primo elemento chiave trovato nel corso delle indagini. 

Ad essere indagati sono la compagna di Capizzi e un suo conoscente residente a Legnano. Quest'ultimo è stato arrestato la notte tra martedì 10 e mercoledì 11 gennaio, per detenzione ai fini di spaccio. I militari infatti, durante un controllo hanno trovato nella casa dell'arrestato (un 48enne italiano) 305 grammi di cocaina, occultati in diversi nascondigli, assieme ad un bilancino di precisione.

(Gea Somazzi)