Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Lombardia, primo passo per la bandiera e la fascia istituzionale

Primo via libera mercoledì 9 gennaio in commissione cultura al progetto di legge per l’istituzione e l’adozione della bandiera e della fascia di Regione Lombardia. Primo firmatario del provvedimento è il presidente della commissione Curzio Trezzani: dopo il parere espresso oggi a maggioranza con il voto favorevole anche del PD e l’astensione del rappresentante del M5Stelle, il progetto di legge sarà sottoposto all’approvazione della commissione affari istituzionali mercoledì 16 gennaio, per poi approdare per il voto definitivo in aula nella seduta del 29 gennaio.

Questo provvedimento definisce formalmente l’adozione della Rosa Camuna argentea su sfondo verde, che già sventola su tutti i pennoni regionali, come bandiera ufficiale di Regione Lombardia. Insieme alla bandiera viene istituita anche la fascia, come già avviene per sindaci e presidenti di Provincia, da far indossare ai presidenti di Giunta e Consiglio (o loro delegati) durante le manifestazioni: sulla fascia viene riprodotta una croce curvilinea argentea in campo verde inclinata in senso orario che deve trovarsi, una volta indossata la fascia, all’estremità inferiore a sinistra.

«Sono molto soddisfatto di questo primo passaggio -  ha dichiarato il presidente Curzio Trezzani - perché il progetto di legge che ho presentato doterà finalmente anche la Lombardia di una bandiera ufficiale. Sembra strano ma nei fatti non è mai stata istituita ufficialmente una bandiera per la nostra Regione. Con questo provvedimento vogliamo pertanto formalizzare quella che già tutti i cittadini, non solo lombardi, riconoscono come bandiera della Lombardia, senza così costringere nessun ente ad acquistarne di nuove. Un provvedimento di buon senso visto che quindi è oltretutto a costo zero. Auspico vivamente - ha concluso Trezzani - che in aula il provvedimento venga votato all’unanimità, così finalmente anche i cittadini lombardi avranno una bandiera in cui riconoscersi unitariamente».