Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Trasporti, sindaci in campo per la tariffa unica integrata

Sindaci in campo per la tariffa unica integrata per il trasporto pubblico metropolitano di Milano: sono più di 90 i primi cittadini che hanno deciso di indirizzare una missiva ad hoc a Regione, Città Metropolitana, Comune di Milano e Agenzia per il Trasporto Pubblico Locale del bacino della Città metropolitana di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia.

Tra i sindaci che hanno aderito all'iniziativa della collega di Noviglio Nadia Verduci, spiccano anche molti primi cittadini dell'Alto Milanese e il Rhodense. Con poco più di dieci righe, i firmatari della lettera hanno chiesto di riaprire «la discussione per l’approvazione della tariffa unica integrata per il trasporto pubblico metropolitano di Milano e del nuovo sistema organizzativo dei trasporti». Anche perchè «dalle informazioni raccolte durante gli incontri con l'Agenzia del Trasporto Pubblico Locale del bacino della Città Metropolitana di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia - scrivono i sindaci - abbiamo ricevuto informazioni che l’introduzione di tale tariffa unificata e del nuovo progetto avrebbe portato considerevoli risparmi e quindi benefici agli utenti del trasporto pubblico della provincia sia in termini economici che in quelli pratici per i singoli ticket ed abbonamenti, ma anche per l'intero servizio. Oltretutto l’applicazione di questa tariffa integrata sarebbe uno dei passi fondamentali per far sentire i cittadini della fascia esterna provinciale come veri "cittadini metropolitani"».

Un'altra "battaglia" che vede i sindaci in prima linea per i pendolari, quindi, dopo quella relativa all'arretramento del capolinea per gli autobus della linea Z602, che collega Legnano a Milano Cadorna via autostrada.

La gara per il trasporto su gomma nell'area metropolitana di Milano - come spiega il presidente della Conferenza dei Sindaci dell'Alto Milanese Walter Cecchin - prenderà con ogni probabilità il via a giugno, con il nuovo appalto che potrebbe partire tra fine 2020 e inizio 2021. Se è dato ormai per certo che l'attuale destinazione dei bus a Cadorna non verrà mantenuta, tra le ipotesi al vaglio per il capolinea oltre a Lampugnano, in discussione già dallo scorso autunno, si sono recentemente "affacciate" anche le ipotesi QT8 e Lotto, mentre è stata definitivamente scartata Molino Dorino.

(Leda Mocchetti)