Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ok al finanziamento viabilità e infrastrutture per l'ex Alfa di Arese

"Alla faccia di chi accusa il Governo di servilismo nei confronti di Bruxelles, stiamo dimostrando di avere la schiena dritta dedicando giorno per giorno attenzione e misure concrete a beneficio dei territori e delle sacrosante esigenze di sviluppo economico e infrastrutturale chieste da cittadini e imprese". queste le parole  dei deputati della Lega Fabrizio Cecchetti, Fabio Massimo Boniardi, Paolo Grimoldi e Ugo Parolo dopo l'emendamento alla Manovra fortemente voluto dalla Lega sia alla Camera che al Senato, che sblocca il finanziamento per l'insediamento di nuove attività produttive in determinate zone industriali da estendere anche all'area ex Alfa Romeo di Arese.

"Parliamo di fondi tanto preziosi quanto consistenti: circa 50 milioni di euro da destinare in particolare all'area del nord-ovest milanese, già stati stabiliti dalla legge finanziaria 2004, ma rimasti per anni tra le pieghe del bilancio dello Stato e quindi mai spesi. Un giro di vite atteso per anni da imprese e cittadini e ora realtà - proseguono i deputati -. Con questa misura viene esteso l'ambito di spesa di queste risorse, prevedendo che possano essere impegnate anche per il finanziamento di sistemi di mobilità sostenibile fra l'area in questione e l'attuale rete di trasporto pubblico locale. Grazie a queste risorse, Regione Lombardia potrà così definire, di concerto con gli enti locali, le migliori modalità per garantire un collegamento efficace e sostenibile fra l'area ex Alfa Romeo e la città di Milano a beneficio dei comuni interessati dall'attuale insediamento commerciale. Fra i progetti candidati al finanziamento, innanzitutto, il collegamento fra la città di Arese e il sistema delle metropolitane milanesi e, con le risorse ulteriormente disponibili, la riattivazione della linea ferroviaria da Garbagnate a Lainate. Dunque, un provvedimento a maggior ragione utile perché consente non solo eseguire quanto già previsto da tanto, troppo tempo, ma al tempo stesso di avviare più interventi interconnessi a favore del trasporto locale e della viabilità del territorio. Una vera e propria boccata d'ossigeno per la qualità della vita della popolazione del nord-ovest milanese, già duramente provata da code e disagi nell'accesso ai servizi proprio per l'insufficienza di infrastrutture"