Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Anche Arese piange padre Ugo De Censi

Sono in molti a piangere la morte del missionario padre Ugo De Censi, spentosi a 94 anni a Lima, in Perù, dove operava da tanti anni. Originario di Berbenno (Sondrio), il salesiano, fratello dell'ex presidente di Credito Valtellinese, Giovanni, era molto conosciuto anche al di fuori della sua provincia per la sua instancabile opera caritatevole in favore delle popolazioni più povere dell'America Latina e, inoltre, perché è stato cofondatore con un gruppo di giovani dell'operazione «Mato Grosso» nel 1967 nella provincia di Verbania-Cusio-Ossola, in Val Formazza. Padre Ugo De Censi, dopo un soggiorno a Poxoreo, in Brasile, nello stato del Mato Grosso, rimpatriò e, a quel punto, con alcuni gruppi giovanili decise di partire da Arese  per organizzare spedizioni umanitarie nei territori più depressi economicamente di quel Paese sudamericano, dove la maggior parte dei bambini viveva scalzo. La salma verrà ora trasferita sulle Ande e tumulata nella chiesa di Chacas. Proprio sulle Ande padre Ugo creò oratori, per accogliere tutti i ragazzi che non trovavano posto nelle scuole e dare loro un aiuto concreto. Realizzò, inoltre, anche sei istituti pedagogici intitolati a don Bosco. Il salesiano di Berbenno, quelle rare volte in cui tornava in Valtellina era solito ripetere: «Le nostre parrocchie raccolgono oggi, con l'oratorio, circa 15 mila giovani.