Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Inclusione senza confini" in un convegno al carcere di Bollate

Si è svolto ieri il Convegno "Inclusione senza confini. L'esperienza del Centro per le Famiglie Biobab nella Seconda Casa di Reclusione di Bollate" durante il quale è stato ripercorso il cammino del Biobab, un servizio innovativo ed unico nel suo genere che ha permesso di aprire le porte dell'asilo nido aziendale, pensato per i figli degli operatori dell'Istituto Penitenziario, prima alle famiglie del territorio e, successivamente, ai bambini delle mamme detenute.

Nella mattinata, inoltre, sono stati riportati i primi esiti di questo esperimento socio-pedagogico che è stato realizzato grazie alla collaborazione tra gli organi Dirigenti della Casa di Reclusione, il PRAP, la Cooperativa Stripes e tutti gli enti del terzo settore che hanno collaborato e partecipato alle attività del Biobab. Come ha ricordato, infatti, la dottoressa Cosima Buccoliero, Direttore Aggiunto della II Casa di Reclusione di Bollate, “si è puntato moltissimo sul coinvolgimento della rete esterne proprio nell’idea, nell’ottica, che era necessaria questa contaminazione; ed è proprio questa contaminazione che permette di abbattere i pregiudizi". Ed è stata proprio questa contaminazione a dare un'identità precisa al Biobab che oggi, grazie alla sua storia, alla sua impronta bio e alle sue attività green a contatto con la natura è diventato un luogo riconoscibile con un suo linguaggio specifico.

Come acconta, infatti, la dottoressa Dafne Guida, Direttore Generale della Cooperativa Stripes che gestisce il servizio, "per riuscire a realizzare un progetto di inclusione così ambizioso è stato necessario riuscire a contaminare i propri linguaggi costruendo un linguaggio diverso, insieme". Al convegno - oltre agli operatori del terzo settore che vivono quotidianamente la realtà, alle associazioni e alle famiglie che già conoscevano il Biobab - hanno partecipato numerosi studenti dell'Università Cattolica e dell'Università Bicocca che hanno seguito con curiosità ed attenzione tutte le riflessioni proposte. Questa giornata di lavori ha permesso un primo confronto e una prima condivisione delle buoni prassi sviluppate in questi anni e ha rappresentato l'occasione per confermare pubblicamente l'intento di tutti i soggetti protagonisti di questa co-progettazione di continuare su questa strada tortuosa per lavorare ancora insieme alla costruzione di una società sempre più inclusiva.