Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ad Arese screening gratuiti per la diagnosi dell’osteoporosi

Sabato 1 dicembre sarà una giornata dedicata alla prevenzione dell’osteoporosi rivolta a donne e uomini. L’osteoporosi, nota anche come “ladra silenziosa”, è una malattia che si preannuncia senza alcun sintomo specifico, ma consuma lentamente ed inesorabilmente le ossa, portando con il passare del tempo a probabili fratture.

L’osteoporosi si caratterizza per la riduzione del contenuto minerale dell’osso che, diventando più fragile, espone maggiormente al rischio di fratture che si verificano anche in assenza di traumi importanti o cadute. Colpisce prevalentemente le donne (il 33% tra i 60 e i 70 anni di età, il 66% al di sopra degli 80), ma anche gli uomini non sono esenti, interessandone il 20%. Una particolare attenzione va prestata durante il periodo della menopausa, primo fattore di rischio. L’allungamento della vita, infatti, porta la donna a vivere un lungo periodo senza protezione ormonale: questo facilita la riduzione della massa ossea e, conseguentemente, l’insorgenza della patologia. Prevenire l’osteoporosi si può e si deve Una volta diagnosticata, non è possibile guarire dall’osteoporosi, ma solo fermarne o rallentarne la progressione. La prevenzione è quindi fondamentale. Anche se la perdita di massa ossea può essere accelerata da alcune condizioni sulle quali non è possibile intervenire, ci sono diverse misure che si possono adottare per prevenire questa malattia subdola e silenziosa.

La prevenzione dell’osteoporosi si basa principalmente su alcuni aspetti legati allo stile di vita: 1. adeguata riserva di calcio e vitamina D 2. regolare attività fisica 3. adeguato peso forma
4. limitato consumo di alcool 5. non fumare Nelle persone con un alto rischio di frattura, intervenire solamente sullo stile di vita potrebbe non essere sufficiente per un’efficace prevenzione. Da qui la necessità di affiancare un’adeguata terapia farmacologica, prescritta dal medico e personalizzata in base alle specifiche caratteristiche ed esigenze.

Ad Arese, uno screening per “braccare” l’osteoporosi

Dato l’importante impatto sociale e la peculiarità silente della patologia, Humanitas Medical Care Arese ha organizzato sabato 1 dicembre una giornata dedicata alla prevenzione dell’osteoporosi durante la quale sarà possibile eseguire gratuitamente una MOC femorale/lombare con consegna immediata del referto ed un consulto con il reumatologo Dr. Luigi Fabbriciani.

La MOC (Mineralometria Ossea Computerizzata) è un esame radiologico non invasivo che, quantificando la densità dell’osso, è utile per stimare il rischio di frattura e, a posteriori, il monitoraggio della risposta alla terapia. Dopo aver eseguito la MOC, valutare la salute ossea durante un colloquio gratuito con i reumatologi di Humanitas Medical Care Arese è il primo passo per una prevenzione mirata al benessere della persona. 

A chi è rivolta l’iniziativa? Lo screening è consigliato a donne in menopausa, a uomini over 65 e a tutti coloro che hanno casi di osteoporosi in famiglia.

Come partecipare? La partecipazione all’iniziativa è gratuita, previa prenotazione da lunedì 26 novembre 2018. Per prenotare lo screening, telefonare al numero 02 83456737 da lunedì a sabato dalle 09.00 alle 17.00 (fino ad esaurimento posti).