Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rho, “Escape again. Questa assenza non passa”: nuova mostra dedicata alle donne

  • CRONACA / RHO
  • lunedì 05 novembre 2018
  • 110 Letture

Sabato 10 novembre si inaugura a Villa Burba “Escape again. Questa assenza non passa”, mostra dell’artista Giuseppe Ravizzotti. Realizzata dal Comune di Rho e a cura di Cristina Palmieri: l’esposizione resterà aperta fino a domenica 25 novembre, Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, con i seguenti orari: mercoledì, giovedì, venerdì e sabato dalle ore 16.00 alle ore 19.00 e la domenica dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00. L’ingresso è libero.

Nel corso dell’inaugurazione, che si terrà sabato 10 novembre alle ore 16.45, Ravizzotti realizzerà in esclusiva per Rho la tredicesima panchina contro la violenza alle donne con una performance pubblica. La panchina resterà poi in dono alla città come testimonianza di un iter che ogni anno si arricchirà di nuove idee e progetti.

“Con questa forte caratterizzazione del Mese di Novembre con il tema dei diritti, ci siamo mossi tutto l’anno per chiudere il cerchio iniziato l’anno scorso con il convegno “Violenza sulle donne: fermiamola – La forza di una rete per non sentirsi sole” - racconta l’assessore a Piano strategico, Pari opportunità e Conciliazione dei Tempi, Sabina Tavecchia - proponendo adesso un altro importante evento: ESCAPE. Il messaggio vuole essere anche quello che i temi fondamentali possono essere portati avanti con l’arte in modo da coinvolgere la popolazione tutta, uomini inclusi. Unica soluzione per sconfiggere la piaga della violenza alle donne. Un ringraziamento all’artista Ravizzotti non solo in quanto artista, ma soprattutto in quanto uomo in prima linea per diffondere una mentalità aperta e solidale. Un ringraziamento alla curatrice della mostra Cristina Palmieri e a tutti gli uffici comunali, che ancora una volta in modo trasversale portano avanti argomenti strategici. L’auspicio è che questo progetto possa avere uno sviluppo territoriale come quello delle panchine rosse.”

Il tema della mostra si declina in due “frame”, da cui la duplicità del titolo: il primo, ”Escape”, richiama l’inferno vissuto dal popolo Yazidi vittima del Daesh, costretto a vivere in continuo movimento, in condizione di precarietà, terrore, disperazione; l’altro frame riguarda la sofferenza privata, personale, connessa, per esempio, all’amore perduto, negato, violato, non corrisposto, all’amore “malato” e “violento”, che diviene perciò “Assenza”.

Inaugurata per la prima volta a Galliate lo scorso novembre, la mostra è ora proposta, con alcune opere nuove e inedite, dal comune di Rho, che presenta il progetto tra le numerose iniziative proposte per la promozione dei diritti della persona. La prosecuzione ideale di un percorso iniziato un anno fa con l’iniziativa “12 mesi per 12 panchine”, che ha previsto l’installazione - da novembre 2017 a novembre 2018 - di panchine rosse in diversi punti del territorio rhodense come  simbolo della lotta contro la violenza sulle donne e l’affermazione di una cultura di parità.

L'amministrazione invita i cittadini a inviare i loro selfie scattati con una panchina rossa a comunicazione@comune.rho.mi.it durante le giornate di apertura della mostra. Saranno pubblicate sulla pagina Facebook del Comune di Rho o altra pubblicazione comunale.

Domenica 25 novembre alle 17  si terrà invece il finissage dell’esposizione con la conferenza della curatrice Cristina Palmieri e l’incontro “Anche sulla pelle delle donne: il peso della Prima Guerra Mondiale” a cura di Paola Pessina. La giornata andrà idealmente a chiudere un mese dedicato da Rho alla lotta contro la violenza, con l’adesione all'iniziativa della Comunità di Sant’Egidio “City for Life, Città per la Vita – Città contro la Pena di Morte”, che sarà celebrata il 30 novembre alle ore 18.45 insieme ad ANPI – Associazione Nazionale Partigiani Italiani attraverso l’illuminazione dell’edificio ex casa del fascio in via dei Martiri 5.