Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Il più lungo trekking del mondo rinasce (anche) grazie a un ragazzo di Pregnana Milanese

Foto: Sara Furlanetto - Va' sentiero.


Si chiama Yuri Basilicò, è un ragazzo di Pregnana Milanese e nel 2017 ha fondato, insieme a Sara Furlanetto e Giacomo Riccobono, l'associazione Va' sentiero. Lo scopo? Quello di far riscoprire un tesoro dimenticato: il Sentiero d'Italia, il percorso di trekking più lungo del mondo che attraversa le creste delle montagne del Bel Paese, isole incluse.

Il sentiero d'Italia copre una distanza di 6166 km, attraversa 20 regioni, passa per 6 siti naturali Unesco, si divide in 368 tappe e ha un dislivello complessivo di 350mila metri. Nato una ventina di anni fa, come si legge in un articolo del Touring Club Italiano, il sentiero purtroppo ha mancato di manutenzione. Ma nel 2019 verrà riaperto. E i ragazzi lo percorreranno in un'avventura lunga nove mesi, raccontando quanto vedranno, scattando foto, organizzando eventi pubblici in alcuni dei luoghi attraversati e infine, a viaggio concluso, pubblicando un libro fotografico e un documentario sull’esperienza.

«Siamo un gruppo di giovani, accomunati dalla passione per il viaggio e per la montagna - raccontano Yuri, sara e Giacomo sul loro sito -. Vogliamo meritarci le meraviglie che ci circondano, impegnandoci in prima persona a fare qualcosa di concreto, dal basso».

Chi è interessato potrà partecipare al cammino, per la sua interezza o solo per alcune tappe. Tutte le informazioni si trovano su Va' sentiero. Il progetto dei ragazzi gode della collaborazione del CAI, del Touring Club Italiano, dell'università degli studi di Milano e di radio Francigena.

(Chiara Lazzati)