Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Crisi Nuova distribuzione SpA: "Intervenga il Mise"

"Iniziative urgenti per tutelare lavoratori e imprese di fronte alla grave crisi della Nuova distribuzione SpA": è questo che chiedono al loro stesso governo i deputati di maggioranza della Lega Fabio Massimo Boniardi e Fabrizio Cecchetti, che hanno presentato un'interrogazione al Ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio.

"Come parlamentari del territorio, siamo molto preoccupati  per la gravità della situazione che i lavoratori dei punti vendita del rhodense e del bollatese ci hanno sottoposto - dicono i due riferendosi alla situazione dei punti vendita SuperDì e IperDì - .Quelli di Rho e Senago, ma anche quelli di Treviglio, Bregnano, Paderno Dugnano, Lodi, Porto Ceresio, Trezzano, Cesano Maderno, Barlassina, Robbio, Lomazzo e Novi Ligure, dovrebbero essere ceduti a un nuovo player del settore, tuttavia il loro destino in realtà è ancora tutto da definire. Altro aspetto allarmante è quello che riguarda il futuro sia delle aziende commerciali, che orbitano intorno alla galassia Gca, sia dei dipendenti della Nuova distribuzione SpA, di cui è stato dichiarato un esubero di circa un terzo. In totale, sono in ballo 1045 dipendenti e dunque altrettante famiglie. Chiediamo al Mise risposte rapide e concrete".