Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Energia termica da acciaieria: anche un'azienda di Rho in campo

  • CRONACA / RHO
  • martedì 18 settembre 2018
  • 370 Letture

Si tratta di un sistema intelligente di gestione dell'energia, che collega i siti produttivi ai quartieri e alle città, in una logica di evoluzione verso le Smart city e sarà avviato in forma sperimentale a Brescia, area territoriale scelta per il progetto pilota: l'accordo per la ricerca si chiama  "Smart grid: bando energEtico" ed è stato approvato dalla Giunta regionale della Lombardia su proposta del vicepresidente e assessore alla Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione delle imprese, Fabrizio Sala.

Il progetto ha come capofila l'azienda A2a Calore & Servizi di Brescia che guida il partenariato composto da Siat Italia-Società industriale apparecchiature termiche di Rho, Alfa Acciai di Brescia, Dh Planet di Carpenedolo (Bs) e il centro di ricerca dell'università degli studi di Brescia. La sede operativa del progetto sarà la sede produttiva di Alfa Acciai, realtà leader nella produzione di acciaio per cemento armato. La linea distributiva dell'energia utilizzata sarà la linea di A2a Calore & Servizi operativa sulla città di Brescia. Il sistema, una volta maturo, sarà scalabile e replicabile con vantaggi per l'intero territorio lombardo, che conta diversi impianti siderurgici.

Entro aprile 2020 verrà effettuato lo studio e saranno realizzati gli impianti pilota. Il progetto di ricerca industriale e sviluppo sperimentale ha come suo elemento qualificante il recupero dell'energia termica prodotta dall'acciaieria: il recupero del calore di scarto dei processi produttivi e il suo utilizzo all'interno della rete di teleriscaldamento cittadina, valorizzeranno energie che attualmente vengono disperse in atmosfera.