Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

SuperDì: "Regione Lombardia seguirà la vicenda da vicino"

Oggi alla Commissione Attività Produttive del Pirellone si è svolta un'audizione alla quale hanno preso parte i rappresentanti sindacali e della proprietà dell’azienda GCA (supermercati SuperDì e IperDì). Oggetto dell'audizione era la crisi occupazionale in corso. 

“I supermercati SuperDì e IperDì – spiega Simone Giudici, consigliere regionale della Lega – versano da alcuni mesi in uno stato di profonda crisi, con gli scaffali vuoti e i dipendenti che non percepiscono lo stipendio ormai da giugno. Si parla di ben 800 lavoratori, con le relative famiglie, 566 dei quali in Lombardia. Una realtà diffusa anche a Rho, con 21 dipendenti, a Lainate, dove i lavoratori sono 16, a Bollate e Vittuone. Quanto emerge è un quadro preoccupante e di fortissima incertezza, che praticamente cambia di giorno in giorno. Allo stato attuale infatti non è ancora possibile comprendere quale sia il futuro dei lavoratori. Regione Lombardia è pronta a fare la sua parte e ha dimostrato con l’audizione di oggi, dove ha partecipato anche l’Assessore Rizzoli, di essere interessata a seguire la cosa da vicino. Per fare questo però è necessario che si creino le condizioni perché le istituzioni possano agire concretamente".

Giudici parla di un necessario "cambio di atteggiamento da parte della proprietà, che deve fornire risposte circa le sue intenzioni e, se possibile, instaurare un dialogo costruttivo con le parti sindacali" mentre la Regione si impegna a "monitorare da vicino l’evolversi della vicenda, rapportandosi direttamente con i dipendenti del territorio e facendo quanto in nostro potere per salvaguardare i posti di lavoro". Sarà il futuro a dimostrare se un'azione di nonitoraggio può essere sufficiente per cambiare una situazione certo difficile.