Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Gente di Rho: "Dov'è il piano per il diritto allo studio?"

  • CRONACA / RHO
  • martedì 11 settembre 2018
  • 281 Letture

“L’assessore Giro dovrebbe iniziare il nuovo anno scolastico con un bel meno a causa della mancata presentazione del nuovo Piano per il diritto allo studio": così Claudio Scarlino, Gente di Rho, riaccende la polemica politica tra opposizione e governo cittadino alla ripresa dell'attività dopo le vacanze estive. "Il documento in questione serve a garantire il massimo supporto del Comune al sistema educativo rhodense, rendendo possibile la piena realizzazione delle attività programmate dalle istituzioni scolastiche cittadine . continua Scarlino -.  Ad oggi non abbiamo la benché minima idea di quali strumenti, progetti e azioni voglia mettere a disposizione l’Amministrazione comunale a favore delle scuole rhodensi. Ma forse, la cosa ancor più seria, è che le scuole stesse, in assenza di tale documento, non hanno la certezza su come l’amministrazione intenda muoversi per garantire la realizzazione di determinati obiettivi. Ci auguriamo solo che tale ritardo non generi effetti negativi sulla pianificazione delle attività ideate dai plessi scolastici, col rischio di vanificare gli sforzi di insegnanti e presidi, costretti troppe volte ad operare in situazioni di estrema difficoltà a causa della mancanza di fondi". 

Scarlino torna poi al 2017: "Eppure l’anno scorso l’assessore Giro si era vantata pubblicamente (e gliene diamo atto) per aver pubblicato prima dell’inizio dell’anno scolastico il Piano per il diritto allo studio. Eravamo convinti che i richiami degli anni precedenti (anche ai suoi predecessori) fossero serviti a qualcosa, ma, ahinoi, non ci tocca che constatarne la sistematica recidività".