Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Arese, approvato il regolamento di tutela animali: la Lav ringrazia

"Grazie all'amministrazione comunale di Arese": il messaggio arriva dalla sede territoriale della Lav dopo l'approvazione da parte dell'amministrazione del nuovo regolamento di tutela animali.

"Questo regolamento promuove e disciplina la tutela degli animali d’affezione  e il rispetto di tutti gli animali che sono occasionalmente sul territorio comunale - spiegano i portavoce della Lav -. Si riconosce  alle specie animali il diritto ad un’esistenza compatibile con le proprie caratteristiche biologiche  ed etologiche, vengono condannati e perseguiti atti di crudeltà e maltrattamento  quali l’abbandono, la mancanza di cure adeguate" 

"Tra le novità importanti vi sono alcuni  divieti  significativi - prosegue la nota - come quello di tenere i cani alla catena o di condurli al guinzaglio con qualsiasi mezzo di locomozione, l’uso e il commercio di trappole mutilanti, di collari che provochino scosse elettriche o collari a punte ovvero che agiscono con sostanze chimiche o che emettono segnali acustici, per costringere l’animale all’obbedienza o ad impedire l’abbaiare naturale". 

Numerose, poi, le normative per gli animali che stazionano anche temporaneamente sul territorio comunale, è inoltre vietato l’utilizzo degli animali per la promozione di attività commerciali o imprenditoriali, è vietato offrire animali  in premio o come vincita di giochi o spettacoli, è vietato il loro utilizzo per l’accattonaggio.

"L’attendamento dei circhi è lecito se rispettano i requisiti prescritti dalla Commissione Cites istituita presso il Ministero dell’Ambiente che prevede  precise normative e criteri per il mantenimento di animali nei circhi e nelle mostre viaggianti. Le colonie feline libere  sono tutelate dal Comune  che, nel caso di episodi di maltrattamento, si riserva la facoltà di procedere civilmente e/o penalmente nei confronti dei responsabili, é riconosciuta la figura della gattara".