Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rho, saranno tagliati 12 alberi nel parco di via Togliatti

  • CRONACA / RHO
  • martedì 15 maggio 2018
  • 968 Letture

Nelle prossime settimane l’Amministrazione Comunale procederà all’abbattimento di 12 alberi situati nel parco di via Togliatti a seguito dei risultati dell’analisi VTA (Visual Tree Assessment, ovvero valutazione visiva dell'albero su basi biomeccaniche) eseguite sugli esemplari arborei del parco.  "Dall’analisi effettuata dall’Ufficio Verde e Arredo urbano è risultato un livello di pericolosità elevata per quanto riguarda la stabilità degli alberi presi in esame ed è quindi stato necessario definire l’intervento per la messa in sicurezza del parco - si legge in una nota del Comune -. Oltre all’abbattimento si provvederà contemporaneamente alla eliminazione delleceppaie mediante la rimozione dell’apparato radicale con colmatura della buche oppure, in alternativa, alla fresatura del ceppo, in entrambi i casi con livellamento e risemina a prato del terreno circostante la pianta rimossa".

Gli alberi interessati all’abbattimento sono 2 pinus pinea, 1 cedrus atlantica, 3 ulmus carpinifolia, 1 juglans nigra, 3 betula alba, 1 pinus nigra, 1 cedrus atlantica glauca, che hanno un’altezza variabile da 11 metri a 20 metri  L’avvio dell’intervento è condizionato dalle condizioni metereologiche.

“È sempre un dispiacere abbattere un albero, ma la decisione è stata presa perché in qualsiasi caso è sempre prioritaria la sicurezza per le persone e le cose - ha detto l’assessore a Ecologia, ambiente e verde pubblico, Gianluigi Forloni -. Le tipologie di alberi in questione sono piuttosto longeve, ma in ambiente urbano la loro aspettativa di vita si dimezza. Inoltre, come per il pinus pinea più adatto a climi più temperati, gli alberi messi a dimora in siti non ottimali manifestano negli anni una serie di problematiche significative anche dal punto di vista della stabilità. Naturalmente è stato previsto di sostituire gli alberi eliminati con giovani esemplari arborei, già di dimensioni apprezzabili, di specie autoctona e prevalentemente a foglia caduca, quali Frassini, Aceri, Tigli e Querce”.