Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Bollate diventa la casa del jazz d'alto livello

Sono i tre migliori trombettisti jazz italiani, sono tutti e tre presenti all'edizione di quest'anno del festival Jazz di Bollate che diventa così, per qualche giorno, il "centro del mondo": Fabrizio Bosso, Flavio Boltro e Paolo Fresu sono in cartellone in un festival che, anno dopo anno, ha avuto una crescita esponenziale. Negli anni passati il palco di Bollate è stato calcato anche da Uri Caine, Tullio De Piscopo, dal contrabbassista Buster Williams, dal trombonista Cartis Fuller (che suonava con Miles Davis), dalla violinista Regina Davis, in una sequenza impressionante di artisti che è consultabile al sito della manifestazione.

Tutto aveva preso il via nel 1993 con una trasmissione settimanale su Radio Bollate dedicata al jazz "You and the Night and the Music", poi la decisione di creare un'associazione e organizzare una rassegna inizialmente chiamata "Conoscere il jazz" e incentrata su una serie di seminari concerto tenuti dal musicologo Maurizio Franco. Quest'anno la 22esima edizione della manifestazione concentra la sua attenzione sulla tromba nel jazz e dopo l'esordiodi Fabrizio Bosso ieri, 12 marzo, il 19 marzo toccherà a Flavio Boltro (BBB Trio – ore 21.30 Cine Auditorium Don Bosco, Cascina del Sole) mentre il gran finale sarà dedicato a Paolo Fresu il 27 marzo (Devil Quartet – ore 21.30 Cinema Teatro Splendor, Bollate). Domani sera, 14 marzo, spazio anche a Trumpet Movie! – ore 21.30 Cine Auditorium Don Bosco, Cascina del Sole).