Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rho vuole una burocrazia più snella

  • CRONACA / RHO
  • giovedì 08 marzo 2018
  • 247 Letture

Durante l’ultima seduta del Consiglio Comunale del 26 febbraio è stata approvata l’abrogazione di ben 17 regolamenti comunali con l’obiettivo di semplificare l’attività amministrativa e renderla più chiara ai cittadini.

"In un’ottica di semplificazione dell’azione amministrativa - viene spiegato in una nota del Comune -, si è sentita la necessità di attuare una revisione generale dei regolamenti con l’obiettivo di emanare o mantenere solo quei regolamenti considerati indispensabili dalla normativa di riferimento o da una valutazione sostanziale e documentata, nella convinzione che l’essenzialità e la chiarezza della norma possa facilitare l’accesso ai servizi da parte dei cittadini e delle imprese e, per l’Amministrazione, rendere più efficiente la propria attività".

“Con la razionalizzazione dei regolamenti abbiamo compiuto un lavoro significativo di semplificazione  - ha detto l’assessore a Innovazione, semplificazione delle procedure, trasparenza e legalità, Andrea Orlandi - per rendere più chiara l’attività amministrativa a vantaggio dei cittadini, delle imprese e non ultimo del personale comunale".

La decisione è frutto di un lavoro iniziato a luglio 2017 con il coinvolgimento dei dirigenti comunali che hanno verificato, ciascuno per le materie di propria competenza, i regolamenti nella loro vigenza effettiva, attualità applicativa con riferimento al contesto normativo ed organizzativo e l’adeguatezza rispetto alle sopravvenute disposizioni relative alla semplificazione amministrativa. Sulla base delle attestazioni rilasciate da ciascun dirigente, è stata elaborata una Mappa di ricognizione dei regolamenti comunali, nella quale sono riportate in modo sintetico ma puntale le motivazioni alla base della necessità di mantenere/abrogare/modificare/accorpare una serie di regolamenti.

Ecco i 17 regolamenti abrogati:

Regolamento del servizio di prenotazione telefonica e di consegna a domicilio dei certificati anagrafici e di stato civile; Regolamento per l’eventuale assegnazione a terzi del servizio di recapito a domicilio dei certificati anagrafici e di stato civile; Regolamento servizi di reperibilità; Regolamento per l’istituzione e la disciplina del registro amministrativo delle unioni civili; Regolamento del comitato delle pari opportunità; Regolamento per l’assistenza economica; Regolamento per l’inserimento di cittadini anziani in attività socialmente utili; Regolamento per il servizio della fognatura; Regolamento per le spese occorrenti agli accertamenti necessari per la istruttoria delle domande di autorizzazione allo scarico previste dalla legge n. 319/76; Regolamento comunale per il servizio pubblico da piazza (taxi); Regolamento per l’apertura e la gestione delle sale giochi; Regolamento albo dei fornitori; Regolamento per l’istituzione ed il funzionamento del Consiglio tributario; Regolamento per la definizione agevolata delle ingiunzioni di pagamento delle entrate comunali; Regolamento per la comunicazione tra i gruppi consiliari e la cittadinanza; Regolamento delle istanze e petizioni; Regolamento per l’istituzione e la disciplina del registro amministrativo delle dichiarazioni anticipate di volontà.