Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

A Lainate si parla di cure palliative sulle note di Paolo Favini

Sabato 25 febbraio, alle ore 17, si terrà all’Ariston Urban Center di Lainate un evento di informazione e divulgazione sui temi delle Cure Palliative, che si concluderà con concerto solidale a favore dell’Hospice di Lainate.

L’evento, organizzato dall’associazione di volontariato Amici dell’Hospice di Lainate insieme all’Amministrazione comunale, intende raccogliere fondi per finanziare i progetti di miglioramento continuo della qualità delle cure prestate ai pazienti dell’Hospice e dell’assistenza fornita ai loro familiari.

Ad ingresso libero e a libera offerta per l’Hospice, il concerto vedrà esibirsi un lainatese d’eccezione: Paolo Favini. Saxofonista e arrangiatore, ha collaborato con artisti internazionali ed italiani (L. Minelli, Amii Stewart, K.Jackson, C. Rodgers, Bob Mintzer, E. Marienthal, C. Collins, R. Vecchioni, C. Baglioni, N. Zilli, Stadio, Dirotta su Cuba, L. Dalla, Nomadi), con i quali ha partecipato ai più importanti festival jazz, a tournée, trasmissioni televisive, tour teatrali. Attualmente collabora con la Silvano Belfiore Band nel programma televisivo di Maurizio Crozza ed è docente di Musica d’insieme pop presso il conservatorio Donizetti di Bergamo.

Ad intrattenere il pubblico dell’Ariston Urban Center saranno quindi: Paolo Favini al saxofono, Dario Spezia alla chitarra, Giovanni Colombo alle tastiere, Dario Tanghetti alla batteria e percussioni, Loredana Casula al microfono.

Molto suggestiva la proposta del Paolo Favini Quintet: il titolo del concerto è “Music in the world” e prevede l’esecuzione delle più belle musiche da film interpretate e arrangiate dalla band. Tutti i proventi andranno a finanziare alcuni dei progetti che l’associazione Amici dell’Hospice di Lainate ha individuato per manteneree migliorare costantemente il livello qualitativo dell’Hospice.

L’Hospice di Lainate accoglie persone con malattia in fase avanzata, sia oncologica che non oncologica, che non rispondono più a trattamenti finalizzati alla guarigione e che quindi necessitano di cure palliative. Poiché il dolore degli assistiti non è solo di natura fisica, ma anche psicologica, spirituale e sociale, l’Hospice di Lainate si avvale di un team di specialisti che si prende cura del benessere globale della persona. Il team dedica un’attenzione particolare anche ai familiari del paziente, punto di riferimento di primaria importanza nel processo di cura, accompagnandoli nel percorso assistenziale.

L’Associazione Amici dell’Hospice di Lainate è stata costituita il 27 ottobre 2016, come associazione di volontariato apartitica, aconfessionale e senza fini di lucro. Così come l’Hospice, anche l’associazione è stata voluta e promossa dalla comunità lainatese: il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità le ragioni della sua costituzionecon una delibera dedicata. Si sostiene con l’azione dei volontari, con le quote dei soci e con le donazioni di coloro checondividono le sue finalità, che in estrema sintesi sono: • contribuire a lenire le sofferenze fisiche, psichiche e spirituali delle persone con malattie giudicate inguaribili, in forma avanzata o terminale; • permettere a queste persone di vivere dignitosamente e serenamente la propria malattia; • aiutare le famiglie ad assistere fino all’ultimo i propri cari e ad elaborare il lutto; • promuovere e sviluppare la cultura delle Cure Palliative nella comunità e nei servizi alla persona.