Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Vanzago, rinnovato il "fondo affitto" a sostegno delle famiglie

Con una delibera di giunta del 2 novembre, il Comune di Vanzago ha aperto anche per l’anno 2017 lo sportello per l’accesso al FONDO AFFITTO COMUNALE.

Il Fondo Affitto è finalizzato all’erogazione di contributi integrativi al pagamento del canone di locazione relativo all’anno 2017. Possono richiedere il contributo i cittadini che: hanno residenza anagrafica e abitazione principale in Vanzago; sono titolari per l’anno 2017 di contratti di affitto validi e registrati, o in corso di registrazione; sono in possesso dell’attestazione ISEE Ordinario 2017 non superiore a € 10.000.

I richiedenti dovranno presentare la domanda compilata entro il giorno 11 dicembre 2017. Il Fondo Affitto è attivo sin dall’anno 2000 a seguito di procedura di Regione Lombardia, in seguito all’erogazione di risorse messe a disposizione dallo Stato e dalla Regione stessa.

A partire dai 4 beneficiari del 2000 che ricevettero complessivamente da Regione/Stato un contributo complessivo di  6.286 euro, si è raggiunto il picco massimo di 49 beneficiari nel 2011, e una cifra massima erogata nel 2007 pari ad 63.445 euro, di cui ben € 53.533 a carico dello Stato/Regione Lombardia e € 9.912 a carico del Comune di Vanzago (circa il 16% del totale).

La progressiva riduzione di fondi messi in campo dalla Regione Lombardia per questa misura ha portato a sostenere nel 2015, 31 famiglie con 23.379 euro  provenienti dal Fondo Regionale/Statale e 7.844 euro dal Comune. Si noti che nel 2015, Regione Lombardia stanziò circa 17,6 Milioni di euro per 17.183 utenti, mentre nel 2016 lo stanziamento è stato di 5,9 Milioni di euro (-66%) e Regione Lombardia scelse di concentrarsi solo su una esigua parte dei comuni lombardi (155 su 1.527, cioè il 10% circa): il Comune di Vanzago non rientrò in questa lista. Dal 2016, quindi, dopo ben 15 anni di una misura semplice ed efficace per prevenire sfratti e grave disagio abitativo, il Comune di Vanzago ha dovuto sostenere da solo le famiglie che sono in difficoltà nel pagare l’affitto con un proprio Fondo Comunale.

Il bando del 2016 ha visto la partecipazione di ben 22 famiglie per un importo complessivo di contributo pari a 13.600 euro con un contributo medio di 618 euro. Per le regole del bando comunale, al fine di evitare ogni possibile utilizzo distorto di tali contributi, l’erogazione del sostegno economico avviene direttamente al proprietario di casa: in 7 casi su 22 il proprietario è Fondazione Ferrario, in 3 casi i proprietari sono una famiglia di Vanzago che possiede diversi immobili, poi vi sono 2 immobiliari, 1 cooperativa e 1 società, ed infine 8 privati.

Nei grafici si può osservare in che modo la misura del fondo affitti ha inciso sul sostegno alle famiglie bisognose di Vanzago nel corso degli anni. Si può inoltre osservare l’andamento del co-finanziamento richiesto da Regione Lombardia al Comune di Vanzago: nessuna contribuzione nel 2000-2001; un valore compreso tra il 4% e il 25% nel periodo 2002-2011 e nel biennio 2014-2015; crescita ad oltre il 50% nel 2012 e 2013, anni in cui Regione Lombardia ha quasi cancellato la misura per via della crisi economica; riduzione intorno al 25% nel biennio 2014-2015 • 100% a carico del Comune di Vanzago dal 2016. Bisogna ricordare che le regole per erogare i finanziamenti dal 2000 al 2015 sono state stabilite da Regione Lombardia, cosa che spiega le differenti dinamiche e le cifre erogate.

"Dal 2016, con grande rammarico, Regione ha scelto di non sostenere più i Comuni come Vanzago - spiegano gli amministratori locali -. Per sostenere al meglio tutte le famiglie in grave difficoltà abitativa, il Comune di Vanzago non si è sottratto al proprio compito ed eroga contributi consistenti in questo campo, anche senza le più ampie risorse di Regione che hanno consentito negli anni o maggiori livelli di contribuzione per famiglia o un numero più elevato di beneficiari".