Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Anche Arese celebra la giornata della salute mentale

Ieri, 10 ottobre, è stata celebrata in tutto il mondo la giornata della salute mentale e anche Arese ha deciso di sensibilizzare la cittadinanza su questo tema delicato attraverso una mostra di "Incontrho" a sostegno dei sofferenti psichici e delle loro famiglie. 

Ad Arese sarà proprio "Incontrho", in collaborazione al Comune di Arese, a sensibilizzare la cittadinanza su queste problematiche. Che cos’è un disturbo mentale? Quali sono i percorsi per affrontarlo? Sono conoscenze generali che arricchiscono tutti e che, in particolare, possono offrire una via di recupero alle famiglie colpite da questo tipo di sofferenza. “La prima regola per affrontare al meglio il problema è non avere paura, abbandonare il pregiudizio che lega la malattia mentale, che altro non è se non una fase di malessere, alla stranezza e all’incomprensione - ha dichiarato Chiara Vassallo, Presidente di Incontrho, l'associazione che da anni si occupa del sostegno dei sofferenti psichici e delle loro famiglie nel nostro territorio, costituita da familiari, cittadini e specialisti volontari -.Senza alcun timore si deve chiedere aiuto, parlandone col proprio medico di base per prenotare una visita presso lo specialista che il medico saprà indicare: lo psichiatra, lo psicologo o il neurologo. Non è diverso di quando si va dal medico se si ha un problema al cuore o alle articolazioni” 

La  mostra figurativa e narrativa sulla salute mentale ha come titolo “Artistica-mente”, promossa dal laboratorio artistico dell’associazione. La mostra, che sarà ospitata presso il Centro civico Agorà, sarà inaugurata alla presenza dell’Assessore alle politiche sociali Barbara Scifo e dell’Assessore alla Cultura Giuseppe Augurusa mercoledì 25 ottobre alle 17 e proseguirà fino al 31 ottobre 2017. Durante il periodo di apertura della mostra saranno presenti persone attive nell’associazione, che già affiancano costantemente gli interlocutori istituzionali dei servizi sociali del nostro Comune nel fornire supporto informativo alle famiglie e che in questa circostanza saranno disponibili a fornire volantini sulla realtà dei servizi pubblici di diagnosi, cura e riabilitazione e sui colloqui di prevenzione psicologica, nonché sulle proposte ricreative e culturali da vivere in compagnia, trovando sempre persone disposte all’ascolto.

“Celebrare questa giornata è un’occasione per ricordarsi che non c’è salute senza salute mentale, che non c’è equilibrio senza equilibrio mentale, che non c’è apertura senza apertura mentale -. ha detto il sindaco Michela Palestra -. È un momento per informarsi e per partecipare alla prevenzione nella salute collettiva". “Chi opera ogni giorno nei servizi socio-sanitari sa quante sono e quanto soffrono le persone con disturbi dell’umore o della personalità - ha poi aggiunto dichiara l’assessore alle Politiche sociali Barbara Scifo -. E’ per questo che è importante parlarne per aumentare la conoscenza anche sui servizi disponibili da contattare quando non si sta bene o quando si colgono segnali di sofferenza in un proprio caro. La conoscenza è la prima forma di prevenzione".