Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rho, cestini colmi: Gente di Rho li svuota

  • CRONACA / RHO
  • giovedì 10 agosto 2017
  • 365 Letture

I cestini di Rho erano colmi di spazzatura e Gente di Rho è scesa per strada a svuotarli. Armati di guanti e sacchetti, quattro membri della lista civica capitanata da Marco Tizzoni si sono letteralmente sporcati le mani per ripulire i cestini di Passirana, via Lainate, corso Europa e San Martino. «É stata una cosa semplice - racconta Claudio Scarlino, segretario di GDR -. Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni da Passirana e da lì abbiamo deciso di muoverci».

La situazione, come spiega Scarlino, era davvero critica in alcuni punti, dove era chiaro che i cestini non erano stati svuotati da diversi giorni. Un esempio i recipienti per escrementi dell'area cani di Passirana. «Dalla nostra azione nascono due considerazioni - continua il segretario di Gente di Rho -, la prima è la constatazione che i cestini vengono puliti a macchia di leopardo, come accade in via Lainate, la seconda è la presenza di persone che abitualmente scambiano i cestini pubblici per cestini per la loro raccolta dei rifiuti».

Da qui un messaggio lanciato all'amministrazione rhodense: «Senza alcuno spirito di polemica, ma in un'ottica propositiva chiediamo al Comune di rivedere il sistema di raccolta dei rifiuti, che evidentemente presenta qualche criticità. Si potrebbe valutare l'ipotesi di installare più cestini o contenitori per la raccolta differenziata. E poi suggeriamo maggior controllo: gli incivili vanno sanzionati».

«Gente di Rho è dalla parte della civiltà, della pulizia e del rispetto delle regole - conclude Scarlino -. Se mai dovesse ripresentarsi la stessa situazione dei giorni scorsi siamo pronti a chiedere a tutte le altre forze politiche di unirsi a noi, per lanciare tutti insieme un messaggio forte contro gli incivili».

(Chiara Lazzati)